Rai Movie e Rai Premium verso la chiusura, e sui social impazza la protesta

Rai Premium e Rai Movie chiuderanno, e sui social impazza la protesta. I due canali satellitari della Rai, dedicati alla trasmissione di film e serie tv, sembra vadano verso la chiusura.

La notizia è cominciata a circolare ieri, giornata in cui c’è stato il down dei social di Facebook, Instagram, Twitter e Whatsapp. Tanti si sono scagliati contro la chiusura dei due canali, tra cui sindacati e utenti televisivi.

“È assurdo pensare di chiudere Rai Movie e Premium”, afferma l’Unione sindacale dei giornalisti Rai così come riportato da Il Corriere, “perché a fronte di costi di esercizio molto bassi producono un buon risultato di share, assolvendo inoltre le prescrizioni della legge Franceschini sulla trasmissione di pellicole italiane.

Preoccupazione lecita ma che soprattutto fa pensare ad un trasferimento di utenza nei canali ormai prettamente online, come la piattaforma di Netflix.

I due canali, che dovrebbero essere sostituiti da Rai4, canale completamente dedicato agli uomini, e Rai6, dedicato all’universo femminile, sono fruitori da tempo di serie televisive e di messa in onda, 24 ore su 24, di programmi in uscita e grandi classici televisivi o di approfondimento.

Sui social, intanto, sono stati tantissimi gli utenti indignati per la chiusura dei due canali. Utenti affezionati al servizio che non si rassegnano alla novità della fine dei canali più seguiti e più apprezzati dai telespettatori italiani.

Su twitter l’hashtag #nonchiudeteraimovie è stato uno dei più cliccati tanto da finire in top trend. Anche Alessandro Gassmann, uno dei più amati attori italiani, ha voluto dire la sua proprio sui social con un cinguettio: “sarebbe un peccato se perdessimo rai movie. Il cinema è cultura, è libertà”.

Giulia Antenucci
Informazioni su Giulia Antenucci 196 Articoli
Laurea in Lettere Moderne | Dottoressa in Comunicazione d'impresa, marketing e nuovi media | Comunicazione | Musica | Televisione | Viaggi Costume

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*