Attualità Televisione

A speranza: ai David Avitabile, tra patrimonio partenopeo e sodalizio artistico

Torniamo a parlare degli imminenti David di Donatello, in onda il 27 marzo sulla Rai, e non possiamo non dedicare un pezzo al ritorno di Enzo Avitabile, considerato da molti “il patrimonio vivente della musica napoletana”.

L’artista, dopo il grande successo di “Indivisibili”, torna sul grande schermo e questa volta con una nomination come “miglior canzone originale” con “Il vizio della speranza”, pellicola già premiata al Festival di Roma e a quello di Tokyo. Con una collaborazione importante come quella con Edoardo De Angelis, Avitabile, la canzone in gara per la vittoria della tanto ambita statuetta d’oro è “A speranza”, che porta la firma, sia in musica, testo e interpretazione dello stesso Avitabile.

Dopo grandi successi e collaborazioni di un certo calibro, Avitabile è considerato una delle punte di diamante della musica partenopea. Classe 1955, la sua passione per la musica nasce sin da piccolino quando sale per le prima volta su un palcoscenico con il suo sassofono. A 21 anni, invece, Avitabile è già al seguito di Pino Daniele. Una carriera segnata da collaborazioni numerose ed importanti, ma non possono non essere ricordate le sue unioni in musica con lo stesso Pino Daniele o Massimo Troisi, o le sue esperienze nella black music con artisti con Richie Havens, Tina Turner e James Brown.

Suoni afro jazz e picchi di emozione si ritrovano nella canzone “A speranza” che fa da contorno al quartiere periferico di Napoli di Scampia. Il film parla di una violenza di lotta ambientata nella regione partenopea. Jonathan Demme sceglie poi di girare il documentario “Enzo Avitabile Music Life”, dedicato all’artista napoletano.

Nel film in gara ai David di Donatello si sancisce definitivamente il sodalizio tra il musicista e De Angelis, unendo in parallelo le due visioni cinematografiche e musicali. Emanuele Sacchi, in un articolo su MyMovies, descrive questo sodalizio tra i due come un “Tanto Indivisibili del 2016 – la cui colonna sonora frutta ad Avitabile innumerevoli premi, a partire dal David di Donatello – che Il vizio della speranza, in sala dallo scorso 22 novembre, nascono di concerto con il lavoro meticcio di Avitabile”.

Che questo sodalizio in musica porti alla vittoria del premio come miglior canzone originale?


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *