Addio alla regina dei romanzi rosa Rosamunde Pilcher

La notizia è arrivata poche ore fa dall’Inghilterra, all’età di 94 anni è mancata la regina dei romanzi rosa Rosamunde Pilcher, colei che ha fatto sognare generazioni intere. I suoi romanzi sono per la maggior parte ambientati proprio in Inghilterra, il primo lo pubblicò nel 1949 con lo pseudonimo Jane Fraser, il primo invece con il suo nome nel 1955. Il più famoso dei suoi libri è “ I cercatori di conchiglie“, pubblicato nel 1987 restò per più di 40 settimane nella classifica del New York Times, vendendo più di dieci milioni di copie, tanto che ne fu tratto un film la cui protagonista era Vanessa Redgrave.

I suoi libri hanno generato un turismo enorme nei posti dove i suoi romanzi erano ambientati, in Germania hanno girato serie e film tratti dalle storie d’amore raccontate da lei, che dai grandi autori era un po’ snobbata, ma lei non se ne è mai curata perché il suo successo è stato mondiale, ha venduto più di 60 milioni di copie in tutto il mondo. Nel 2002 la Regina Elisabetta le conferì il titolo di Ufficiale dell’impero Britannico.

I suoi romanzi hanno fatto sognare, sono avvincenti, molti con storie familiari, amori difficili, amori avventurosi, è stata la pioniera del romanzo rosa. Purtroppo all’inizio dell’anno aveva preso una brutta bronchite dalla quale non si è ripresa, lo ha spiegato al The Guardian il figlio Robin.

Una donna, una scrittrice che ha dato moltissimo alla voglia di romanticismo di uomini e donne, che ha dato tanto al suo paese, che ha saputo raccontare i sentimenti, anche quelli più delicati con grande maestrìa, deliziosa e indimenticabile. Grazie Rosamunde per le storie e le splendide ambientazioni dei romanzi che ci lascia, resteranno un grande patrimonio per tutte le persone a cui ha tenuto compagnia attraverso tante pagine.

Roberta Maiolini

Roberta Maiolini
Informazioni su Roberta Maiolini 305 Articoli
Musica | Televisione | Società
Radio | Cultura

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*