Bonus a mar fiesta: la sfida è far cadere i tori in mare. Spagna, ma perché?

Diverse le modalità ma sempre lo stesso il fine. Gioia e celebrazione da un lato e sofferenza e morte dall’altro. Queste sono le feste della Spagna. Una nazione che non smette di sorprendere sotto diversi punti di vista ma, soprattutto, e in maniera negativa, sotto quello della triste realtà della sua tradizione. Una tradizione che lascia sgomento, una tradizione che è difficilmente giustificabile, una tradizione che è riuscita a mobilitare tutto il mondo. Si chiama “Bonus a mar fiesta” – anche se di festa non se ne vede l’ombra – e, insieme alla Corrida e a San Firmino a Pamplona, rientra nella fascia di quegli eventi che sarebbe preferibile identificare come ‘carneficine’.

Bonus a mar fiesta consiste nel far cadere i tori in mare. Una domanda mi sorge spontanea: dov’è la festa? Perché tanto divertimento nei volti di bambini e adulti? Non si riescono a trovare risposte, o meglio: le giustificazioni condivise da chi le pratica sono molte ma fortunatamente non attendibili per tutti.

Leggi anche: Corrida, è ora di farla finita!

Leggi anche: Premio Strega 2018: dopo 15 anni vince una donna

Leggi anche: Lo show estivo di Riki fa ballare il Porto Turistico di Pescara

Giorgia D'Ascanio
Informazioni su Giorgia D'Ascanio 126 Articoli
Cronista | Musica | Moda | Spettacolo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*