HiTech News

Samsung deve 1 miliardo di dollari ad Apple

Due aziende ormai diventate leader nel settore degli smartphone e della tecnologia mobile; unica pecca: l’originalità.

Proprio per questo l’azienda Californiana ha citato in tribunale la concorrente società Coreana accusandola di aver copiato palesemente, violando così alcuni brevetti, il proprio smartphone, l’iPhone.

A sua volta Samsung ha citato la Apple per mancato pagamento delle royalty (pagamento di un compenso al titolare di un brevetto o proprietà intellettuale con lo scopo di poter sfruttare quel bene per fini commerciali).

Il giudice Koh, quindi, aveva chiesto alla Apple delle prove che dimostrassero l’originalità del design dell’iPhone; ed è stato subito compiaciuto da Cupertino che si è precipitata in aula con tantissimi prototipi, che risultano essere stati costruiti in date precedenti all’uscita degli smartphone Samsung.

Pochi giorni fa, sempre Koh, aveva chiesto alle due società di incontrarsi e trovare un accordo. Peccato che i due CEO, Tim Cook e Oh-Hyun Kwon, tramite telefono non siano arrivati ad una soluzione.

Non avendo raggiunto un concordato, la corte è stata richiamata in giudizio a decidere chi delle due avesse ragione.

Poco prima della mezzanotte, alle 23:35 ora italiana, 2:35PM ora locale, del 24 agosto, il verdetto fortunatamente è stato raggiunto.

La corte ha decretato la violazione di Samsung di 8 brevetti: ‘381, ‘915, ‘163, ‘381, D’677, D’087, D’305, ‘889.

Mentre la Apple, con grande sorpresa, non ha violato nessun brevetto tra quelli citati dalla società Coreana, tranne uno per iPod Touch.

Quindi tirando le somme, Samsung deve ad Apple $ 1.049.343.540 che in euro sono circa 838 milioni. Invece la Apple deve NIENTE alla Samsung.

Ovviamente il caso non si conclude qui, infatti Samsung probabilmente si appellerà, e secondo quanto affermato dal giudice Koh, Samsung entro il 20 settembre dovrà rielaborare tutto per poter avviare una ingiunzione preliminare.

Antonino Marano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *