Benvenuti in Italy: Rocco Hunt canta il calcio dei giovani

Questa mattina eravamo nella sede della Sony Music Italy, a Milano, per un incontro in occasione dell’uscita di “Benvenuti in Italy”, il nuovo brano di Rocco Hunt in collaborazione con la Nazionale Under 21.

All’evento hanno preso parte anche Luigi Di Biagio, tecnico della Nazionale Under 21 e il presidente della FIGC Gabriele Gravina.

Rocco-Hunt

Oltre ad essere il primo singolo del prossimo album di Rocco Hunt (l’uscita è prevista nei prossimi mesi), “Benvenuti in Italy” sarà la colonna sonora delle prossime partite della Nazionale Italiana per l’Europeo Under 21 di calcio. Un connubio tra sport e musica, la musica che piace ai ragazzi, e lo sport che ha per protagonista i giovani.

È lo stesso Rocco Hunt a mettere l’accento su questo aspetto, sottolineando che lui ha su per giù l’età dei ragazzi della Nazionale Under 21, e definendosi orgoglioso di portare tutti i buoni valori del calcio nella musica. Perché è proprio di questo che parla “Benvenuti in Italy”, di coesione, amicizia e voglia di condividere una passione insieme.

“Benvenuti in Italy” descrive il rapporto della nostra nazione con il calcio, non solo allo stadio o in televisione, ma quello praticato dai ragazzini nei campetti e nelle periferie. Uno sport universale in grado di unire le persone oltre le barriere, geografiche, linguistiche e di origini.

Per l’Italia dei più giovani, questo è oltretutto un anno importante. Quest’anno, per la prima volta, saremo noi ad ospitare la fase finale del Campionato Europeo Under 21, giunto per pura coincidenza proprio alla sua ventunesima edizione. Il torneo determinerà l’accesso ai Giochi Olimpici di Tokyo del 2020, e in Italia coinvolgerà le città di Bologna, Reggio Emilia, Trieste e Udine, oltre che San Marino.

Rocco-Hunt

Rocco Hunt inaugurerà il nuovo brano con una prima esecuzione dal vivo in occasione della partita inaugurale allo Stadio Dall’Ara di Bologna. Noi abbiamo ascoltato la base stamattina per la prima volta, e c’è aria di tormentone estivo.

Vittoria Marchi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*