È morto a 48 anni Ezio Bosso, l’Italia dice addio a uno dei pianisti più commoventi al mondo

È morto Ezio Bosso, il direttore d’orchestra, compositore e famoso pianista che da anni combatteva con una malattia neurodegenerativa. Bosso aveva 48 anni: originario di Torino, il pianista che ha commosso l’Italia e il mondo intero aveva scoperto la sua malattia dopo un intervento subito per un tumore al cervello nel 2011.

Bosso ha ricevuto diversi riconoscimenti in tutto il mondo. Ha ricevuto due nomination al David di Donatello nel 2004 per le musiche del film “Io non ho paura” e “Il ragazzo invisibile” del 2015.  Nel 2006 è stato insignito del Critic and audience choice for best music al Syracuse festival di New York.

Ha vinto il Premio Flaiano d’oro nel 2003 e nel 2005, mentre il 7 agosto 2016 gli è stata conferita la cittadinanza onoraria del comune di Acireale per il prestigio conferito come eccellente rappresentante nell’arte musicale in Italia e all’estero attraverso gli studi, l’insegnamento e lo straordinario e prezioso contributo profuso nell’immensa mole di opere scritte.